Con l’aumentare della potenza delle piattaforme hardware il mondo della simulazione di guida ha iniziato a svilupparsi sempre di più. Oggi è diventato un vero e proprio business con una crescita annua a due cifre che coinvolge sistematicamente i nomi pesanti del motorsport e dell’industria automobilistica. Vediamo perché.

E’ indiscutibilmente un momento d’oro per il SimRacing: la 24 ore di Le Mans organizzata parallelamente all’edizione originale da iRacing, il franchise Assetto Corsa che lancia l’edizione Assetto Corsa Competizione quale ambiente simulativo ufficiale del Blancpain GT Series e poi Porsche, Renault, Audi, team F1 come Ferrari, McLaren, Williams che entrano con proposte, programmi e proprie strutture dentro il mondo delle corse simulate. Infine la grande concorrenza tra i titoli più conosciuti e strutturati fatta a colpi di features grafiche, proprietà simulative e capacità di competere in rete.

NON CHIAMATELO E-RACING

Con la letterale esplosione degli ESports anche le corse automobilistiche virtuali vengono alternativamente definite come Esport, Eracing, senza considerare  un dettaglio importante: che queste corse simulate (dall’inglese Simulator racing e da qui Simracing) esistono da almeno un ventennio, molto prima della stessa idea degli Esports. Ricordate Geoff Crammond e la sua antesignana serie “Grand Prix” che dal 1992 al 2002 ha rappresentato un vero e proprio riferimento per tutti  quelli che sarebbero venuti dopo?

Una vista dal cockpit di Bottas in Formula 1 2019 di Codemaster. Il livello di dettaglio è un salto avanti straordinario rispetto alla serie Grand Prix capostipite più autorevole dei giochi di simulazione
Sempre una visione dal cockpit, questa volta la Ferrari F2001 di Michael Schumacher nel gioco Grand Prix 4 firmato da Geoff Crammond e uscito nel 2002 che riprendeva il Mondiale del 2001.

 

LA TECNOLOGIA RENDE PARAGONABILE IL SIMULATO CON IL VERO 

Chiarito questo, perché sta crescendo così tanti il mondo del Sim Racing e perché, mai come in questo periodo, sta sfornando anche protagonisti capaci di andare (molto) forte in macchina? Il primo punto: la crescita tecnologica dell’hardware ha permesso ai vari ambienti simulativi, anno dopo anno, di diventare sempre più performanti e raffinati in termini di mole di dati forniti nell’unità di tempo. Le schede grafiche in grado di trasferire sugli schermi immagini iper definite, i processori multi core in grado di effettuare un numero sempre maggiore di calcoli e di cicli al secondo, hanno supportato una crescita della “complessità” simulativa letteralmente impensabile solo una manciata di anni fa. Poi c’è il mondo delle periferiche di gioco, sempre più ispirate non solo nella forma, ma anche nei materiali e nei principi progettuali a quelle effettivamente riscontrabili sulle auto da corsa: volanti repliche esattissime di quelli veri con layout dei comandi e funzionalità altrettanto fedeli all’originale, pedaliere con intensità di sforzo regolabili e, anche qui, paragonabili a quanto richiesto sulle vere auto da corsa. Il tutto inserito in rig (postazioni di guida) che richiamano al millimetro la posizione di guida delle monoposto, delle auto GT o Turismo. Questo setup così accurato e la tecnologia di queste periferiche ha consentito a diversi giocatori non solo di essere estremamente veloci nell’ambiente simulato, ma in grado anche di trasferire queste abilità in vere e proprie competizioni automobilistiche di alto livello.

Il rig della Simetik (www.simetik.com) è stato realizzato partendo dalle misure del cockpit dell’Audi R8 GT3

Proprio la creazione di programmi agonistici che prevedono il passaggio dal cockpit virtuale a quello reale è stato il catalizzatore iniziale della forte crescita dell’intero movimento. Ha iniziato la SONY con la sua piattaforma Playstation e il franchise Gran Turismo insieme alla Nissan. Dopo anni di questa collaborazione sono parecchi i piloti ufficiali di Nissan che corrono sui circuiti di tutto il mondo selezionati da questa iniziativa e sono sempre più spesso le iniziative simili, anche se meno strutturate, che puntano a selezionare dei sim drivers per farli diventare dei race drivers. Direi anzi che proprio il sim racing sta contribuendo a democratizzare un poco questo sport che, da sempre, richiede una buona dose di finanza personale per poterlo praticare.

UN TASSO DI CRESCITA A DUE CIFRE CHE RICHIAMA I GRANDI DELL’AUTOMOTIVE

Poi c’è un secondo punto più sottile e che giustifica l’entrata massiccia, nel settore, dei grandi Costruttori così come di molti team della Formula 1 e che riguarda il tasso di crescita e il profilo degli appassionati: secondo l’ultimo Rapporto sugli esports in Italia, realizzato da AESVI in collaborazione con Nielsen il fenomeno è in costante crescita con oltre 350 mila persone che seguono quotidianamente eventi esports (avid fan) che diventano circa 1.200.000 persone se consideriamo chi segue un evento esports più volte a settimana (esports fan). Solo rispetto all’anno scorso si tratta di un aumento rispettivamente del 35% e del 20%.

All’interno di questo settore il simracing rappresenta una nicchia importante visto che Gran Turismo si piazza al secondo posto tra i titoli più seguiti dagli avid fan e la prima metà del mese di settembre ha visto F1 2019 della Codemaster al quinto posto tra le Console e al primo posto nella classifica giochi per PC

L’età media di questi appassionati? Dai 16 ai 40 interessanti  alla tecnologia, ai viaggi e ai motori. Se è vero che le priorità dei giovani di oggi non sono più auto e moto (da verificare per quanto mi riguarda), che l’obiettivo da raggiungere il giorno dopo il diciottesimo anno non è più la patente, ma l’auto condivisa, il mondo della simulazione da corsa potrebbe essere viatico di nuovo interesse verso l’auto, “Cavallo di Troia” per rinnovare interesse e desiderabilità. E’ una buona idea perché, in effetti, lì fuori di giovani e meno giovani che dedicano ore al giorno a questa nuova passione ce ne sono a centinaia di migliaia e sono disponibili ogni giorno. Il Sim Racing italiano è destinato a crescere ancora molto, siamo una punta di un iceberg enorme all’interno di un settore, quello degli esports che le stime di mercato indicano superare per la prima volta il miliardo di dollari nel 2019 con un seguito di 453 milioni di spettatori in tutto il mondo e una crescita degli investimenti a 456 milioni di dollari. In questo scenario i giochi di guida non rappresentano la leadership, ma si spartiscono comunque una fetta importante e crescente di questi numeri che stanno anche  indirizzando gli investimenti sui nuovi media: chi segue gli sport elettronici (avid fan o esports fan che siano) si collega su YouTube o Twitch e non sulla TV. E’ qui che dovrà passare sempre di più la pubblicità dell’auto per raggiungere quella fetta di pubblico – soprattutto i giovani e giovanissimi – altrimenti impossibile da raggiungere ed è qui che, se vuoi far parlare del tuo Marchio, devi organizzarti attivamente, devi costruire, organizzare, far correre tuoi team ufficiali perché solo così riuscirai ad essere presente nel futuro di queste persone che oggi sono appassionati e domani nuovi potenziali clienti. Semplice no?