Le fila delle protagoniste del TCR aumentano in qualità e quantità. Adesso è il turno della Hyundai che dichiara ufficialmente l’avvio di un programma clienti con la preparazione della vettura su base della nuova  i30.

[dropcap]L[/dropcap]o so, lo so. Sono giorni zeppi di Formula 1. La presentazione delle nuove monoposto è quasi terminata, la curiosità, dovuta al cambio radicale dei regolamenti, era ed è molto alta, ma io voglio riportare la notizia dell’entrata ufficiale della Hyundai nel programma TCR Series anche perché c’è un concept, recentemente presentato sempre su base i30, che potrebbe anticipare non di poco la futura linea della versione da corsa. Nell’intervista a Marcello Lotti di qualche settimana fa si era parlato chiaramente della Casa coreana in procinto di presentare il suo programma (e di diverse altre per la verità) ed eccoci con l’annuncio ufficiale. Il comunicato è secco ed essenziale nella sua forma. Il progetto è affidato alla Hyundai Motorsport, la società con sede ad Alzenau in Germania, creata nel 2012 che segue già il team WRC ed il reparto corse clienti.

 

Hyundai i30
La nuova Hyundai i30 è la base su cui si sta sviluppando la versione da corsa per il TCR Series

Lo sviluppo, sulla base della nuova i30, è iniziato lo scorso settembre e molte delle soluzioni vengono deliberate sul circuito del  Nürburgring Nordschleife. In ossequio ai regolamenti il motore sarà un 2 litri turbo preso all’interno della gamma, cambio sequenziale a 6 marce e serbatoio carburante da 100 litri. All’inizio della primavera si entrerà nel vivo delle sviluppo e la consegna ai clienti è prevista per il mese di dicembre per poter essere schierata nell’edizione 2018 del TCR Series sia Internazionale che, ovviamente, dei singoli Campionati nazionali.

Hyundai RN30 Concept

HYUNDAI RN30. UN CONCEPT CHE ANTICIPA LA FUTURA TCR?

Ma c’è un dettaglio piuttosto intrigante che autorizza a pensare a come sarà lo studio aerodinamico della futura prima auto da pista firmata Hyundai. E questo dettaglio si chiama RN30, un concept che è stato presentato al Salone di Parigi dello scorso anno.  Costruito sulla base della nuova i30, la RN30 è stata realizzata in stretta collaborazione da Hyundai Motorsport, Hyundai Motor Europe Technical Center (HMETC) e la divisione sviluppo veicoli ad alte prestazioni. Ma il diretto coinvolgimento della divisione motorsport, la base di partenza costituita dalla nuova i30, non sono tutto. Il motore è un 2 litri turbo preparato con una potenza complessiva di 380 cavalli e una coppia di 451 Nm. Il cambio è un doppia frizione e la trazione è integrale. Il livello di accuratezza di questo concept si spinge fin nei dettagli, quasi fosse già pronto per una commercializzazione. La logica di cambiata è in funzione alla presenza di programmi/marcia che prevedono la funzione Sport. Lo scarico è fornito di una valvola elettronica che ne varia il timbro in funzione del tipo di guida. La trasmissione è governata da un differenziale elettronico (eLSD).

Quindi ne abbiamo di indizi: la Divisione coinvolta, la base di partenza, la motorizzazione, e non abbiamo mica finito. Le dimensioni, con una  larghezza aumentata, rispetto a quella della i30 di serie, di 30 mm a 1,950 mm. Esattamente la larghezza massima regolamentare del TCR. L’altezza pure è stata abbassata di ben 84 millimetri a 1.355 mm. L’impostazione aerodinamica poi, con quei parafanghi che si allungano verso la parte posteriore, gli splitter laterali che lavorano per migliorare e regolare i flussi intorno e sotto la vettura. Sono tutti dettagli coerenti. E chiaramente un concept, sicuramente con delle soluzioni stilistiche poco compatibili con una vera auto da corsa: le porte che si aprono ad ala di gabbiano, per esempio, o i sottoporta troppo larghi per una gestione agevole dell’entrata e dell’uscita e, infine, il grande spoiler posteriore che, per regolamento, deve essere uguale a tutti i modelli.

INTERNI CON DEI DETTAGLI RIVOLUZIONARI

A guardarla internamente l’elemento concept emerge con maggiore evidenza. La parte più interessante e obiettivamente rivoluzionaria in ottica da corsa sono i sedili. Realizzati in collaborazione con la BASF hanno una forma iper avvolgente, la seduta richiama quella di una monoposto o di un prototipo piuttosto che una vettura turismo. Sarebbe interessante conoscerne i dettagli tecnici visto che sembrano poter avvolgere con precisione il corpo del pilota. Probabilmente un materiale a memoria di forma. Sono previste due telecamere mobili attaccate a ciascun montante e una telecamera esterna è montata sulla pinna del tetto.

Questo concept, ufficialmente, vuole rappresentare la piattaforma per studiare le soluzioni da adottare sulla gamma “N” il “sub-brand” della Casa coreana che sarà dedicato alle declinazioni più sportive dei singoli modelli. Resta il fatto che moltissime soluzioni adottate su questo concept, sia esterne che interne, i dettagli aerodinamici, la meccanica, moltissimo di tutto questo è compatibile con la futura i30 TCR. E se dovesse avvicinarsi a questa postura, allora aspettiamoci un altro splendido modello dedicato al più interessante Campionato degli ultimi anni.